Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | SessualitaOMO |








Menu
della sessualità

- Sessualità
- Omo Sessualità
- Cause
- Famiglia
- Fanciullo
- Figli
- Lesbismo
- Madre Lesbo
- Pratiche

Ad Atene le donne non godevano di molti diritti, erano condannate ad una educazione irregolare e a trascorrere la maggio parte dell loro tempo negli appartamenti riservati alle donne e venivano concesse in spose mediante matrimoni combinati. Per la donna era un’esperienza rara fare la conoscenza con qualsiasi altro uomo che non fosse suo marito o un parente. Per i Greci la masturbazione non era un vizio bensì una valvola di sicurezza. Le donne o meglio le mogli chiuse nelle loro abitazioni con il rischio di inesorabili divorzi se in odore di "tradimento", erano dedite alla masturbazione mediante l’uso di un attrezzo chiamato "olisbos": si trattava di una imitazione del pene fatta di legno o in cuoio imbottito doverosamente unto con olio per un migliore uso. L’olisbos non era usato soltanto per il soddisfacimento solitario, bensì anche dalle donne omosessuali. Se l’isola di Leucade era sospetta perché il primo libro illustrato sulle posizioni tribadiche (lesbiche) venne attribuito ad una donna di Leucade di nome Filene, la patria di questo fenomeno era ritenuta Lesbo quell' isola greca "ove l'ardente Saffo amò e cantò". Si ritiene che fosse a capo di un collegio per giovani fanciulle, poetessa di tale sublime statura che i suoi contemporanei la chiamarono "la decima Musa". Alcuni frammenti delle sue poesie palpitano di una tale passione ben lontana dall’essere puramente intellettuale. " Ritorna, ti prego, avvolta nella tua tunica candida come il latte. Ah, quale intenso desiderio suscitano le tue forme armoniose! Nessuna donna potrebbe non fremere alla loro seduzione." Coloro che ebbero la possibilità di leggere la sua opera completa non avevano dubbi sul suo carattere erotico: Apuleio che sapeva bene ciò che diceva, la definì "sensuale" e "licenziosa", mentre Ovidio ne parla come un corso completo di didattica all’omosessualità femminile.

by Lucia
Copyright © 1996-2017 by Dragon.it .:. All rights Reserved .:. www.dragon.it .:. Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: sabato 18 novembre 2017