Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | SessualitaOMO |








Menu
della sessualità

- Sessualità
- Omo Sessualità
- Cause
- Famiglia
- Fanciullo
- Figli
- Lesbismo
- Madre Lesbo
- Pratiche

Non vi è alcun dubbio che la preoccupazione maggiore è quella di capire se l’omosessualità dei genitori interferisca significativamente nello sviluppo psicosessuale del bambino. Facendo riferimento alla letteratura esistente sulla formazione dell’identità sessuale occorre screditare alcuni luoghi comuni relativi agli effetti che l’orientamento sessuale genitoriale produce sul bambino: il primo secondo cui gli omosessuali seducono sessualmente i bambini, il secondo cui l’omosessualità favorisce il "contagio omosessuale". Opponendoci a questo modo di interpretare la sessualità genitoriale omosessuale, occorre ricordare che il processo di acquisizione della identità sessuale è un processo molto complesso e ricco di variabili, ragion per cui è improprio ritenere che l’identità del bambino si costituisca come mera imitazione del modello parentale. Ancor più improprio è sostenere la tesi del pericolo del "contagio". La formazione dell’identità sessuale è il frutto di diverse componenti: la determinazione biologica, la consapevolezza di essere maschio o femmina, l’acquisizione del comportamento sessuale e, non ultima, la preferenza sessuale. Alcuni psicoanalisti si limitano ad osservare che il figlio maschio, in assenza di una figura maschile con cui identificarsi, colpevole del desideri incestuoso non ostacolato, può incorrere nell’inversione sessuale (meno chiaro è, invece, cosa accada alle figlie femmine). Ma tale formulazione è alquanto restrittiva: sarebbe più produttivo ampliare l’analisi ad un numero maggiore di considerazioni che colgono i rapporti del bambino con il genitore dello stesso sesso, i rapporti con i fratelli e le sorelle acquisiti, il rapporto con il genitore sostitutivo, il problema della giustificazione sociale. La preferenza sessuale dei genitori non ha effetti negativi sul bambino; un bambino il cui genitore è omosessuale non ha più probabilità di avere problemi emotivi di quanti non ne abbia un bambino il cui genitore è eterosessuale e che non ha più probabilità di adottare un comportamento sessuale anomalo o di diventare, a propria volta, omosessuale di quanto non ne abbia un bambino allevato in circostanze assolutamente convenzionali. I figli indipendentemente dall’incoraggiamento dei genitori, tendono a fare scelte e ad avere desideri influenzati in larga misura da modelli esterni. Le madri a questo proposito sostengono che i figli sono maggiormente influenzati dal modus vivendi della generazione a cui appartengono che non all’ambiente famigliare in cui vivono. Ad ogni modo è possibile dire che i bambini che dimostrano maggiori problemi nello sviluppo, sono quelli nella cui storia si rammentano precoci disturbi fisici.

by Marika
Copyright © 1996-2017 by Dragon.it .:. All rights Reserved .:. www.dragon.it .:. Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: venerdì 24 novembre 2017