Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | SessualitaOMO |








Menu
della sessualità

- Sessualità
- Omo Sessualità
- Cause
- Famiglia
- Fanciullo
- Figli
- Lesbismo
- Madre Lesbo
- Pratiche

Perché 4 uomini su 100 e circa 2 donne su 100 (dati di Kinsey) sarebbero omosessuali per tutta la vita? Sono state avanzate diverse ipotesi a questo proposito, ma la maggior parte di esse rientra sotto una di queste voci :

Tra le arcaiche e' possibile annoverare :
  • eredità.
  • equilibrio ormonale.
  • esperienze precoci nell’infanzia.
  • arresto dello sviluppo.
  • seduzione.
  • segregazione dei sessi.
EREDITA’
A prima vista è difficile vedere come l’eredità possa giocare un ruolo rilevante. Di solito gli omosessuali non hanno figli e qualsiasi gene si supponga possa far tendere una persona verso l’omosessualità tenderebbe pertanto a scomparire dal pool genetico. Tuttavia alcuni omosessuali si sposano e hanno dei bambini e per questi bambini, l’eredità potrebbe costituire un fattore determinante. Ma la maggior parte degli omosessuali ha genitori eterosessuali, il che suggerisce o che l’eredità non gioca alcun ruolo nel dare origine all’omosessualità, o che dei geni recessivi si combinano per generare dei bambini omosessuali. Uno studio sui gemelli fornisce delle informazioni interessanti che potrebbero provare l’esistenza di una base genetica dell’omosessualità. Come si è visto, i gemelli, possono essere MZ o DZ. Fu scoperto che tutti i gemelli MZ, fratelli di 37 omosessuali maschi erano o esclusivamente omosessuali o bisessuali. Nessuno dei gemelli DZ fratelli di maschi omosessuali erano omosessuali o bisessuali. Questa, comunque, non è una prova conclusiva a favore dell’ereditarietà dell’omosessualità, in quanto non sappiamo quale ruolo abbia potuto giocare l’ambiente nel far sì che i gemelli MZ si somigliassero più dei gemelli DZ.

EQUILIBRIO ORMONALE
La scoperta degli ormoni sessuali maschili e femminili e la presenza in proporzioni diverse di entrambi i tipi di ormoni in entrambi i sessi hanno suggerito l’esistenza di una base ormonale per l’omosessualità. I maschi omosessuali, suggeriscono alcuni autori, secernono una quantità relativamente maggiore di ormoni sessuali femminili, mentre le donne omosessuali secernono una quantità relativamente maggiore di ormoni sessuali maschili. Questa è una teoria semplice e suggestiva, ma sfortunatamente i risultati sperimentali non la confermano. L’equilibrio ormonale sembra essere indipendente dalla scelta dell’oggetto sessuale. Gli individui che hanno una elevata percentuale di ormoni del sesso opposto possono essere omosessuali o eterosessuali. Il trattamento degli adulti omosessuali di sesso maschile con ormone sessuale maschile innalza la motivazione sessuale ma non modifica le preferenze sessuali. Di quando in quando, un feto di sesso femminile viene mascolinizzato da una condizione biochimica della madre. Dagli studi su ragazze che erano state " androgenizzate " (avevano ricevuto ormoni sessuali maschili durante lo stato prenatale )hanno mostrato che l’80 per cento di esse diventavano dei " maschiacci ", si dedicavano a sport pesanti, preferivano giocare con i ragazzi, erano indifferenti alle bambole e agli abiti femminili e da adulte subordinavano il matrimonio alla carriera. Ma nessuna sviluppava una tendenza omosessuale.

ESPERIENZE INFANTILI
Da quando Freud descrisse per la prima volta come le esperienze precoci del bambino influenzino successivamente il suo carattere e il suo comportamento, i ricercatori hanno preso in esame le interazioni genitori-figlio per vedere quali effetti potrebbero produrre sul comportamento sessuale dell’individuo. Questi studi hanno posto in evidenza che una madre dominante, possessiva e indulgente, insieme ad un padre distaccato, assente, ostile, o deceduto, possono predisporre un ragazzo all’omosessualità. Gli psicologi sostengono che tali circostanze possono rendere difficile a un ragazzo un’identificazione adeguata con il ruolo maschile e così, con tutta probabilità, si identificherà con la madre. Ma nella maggior parte dei casi i ragazzi che vivono in tali condizioni crescendo diventano eterosessuali. A quanto sembra, queste esperienze infantili precoci accrescono le probabilità che un ragazzo possa diventare omosessuale, ma non determinano necessariamente l’omosessualità.

ARRESTO DELLO SVILUPPO
Freud formulò una teoria secondo la quale i bambini crescendo attraversano una serie di stadi psicosessuali. Nello stadio finale o genitale, gli impulsi sessuali si dirigono verso individui del sesso opposto. Alcuni, sosteneva Freud, si fissano agli stadi precoci non raggiungendo così la piena maturità psicosessuale. Secondo questa concezione, gli omosessuali sono vittime di un arresto dello sviluppo causate da esperienze traumatiche o deformanti. Una persona può rimanere fissata ad uno stadio di ammirazione dei propri genitali, e successivamente desiderare un partner che abbia il suo stesso tipo di organi sessuali. Oppure un ragazzo può essere tanto frustrato nei tentativi di ottenere l’amore esclusivo della madre da sviluppare un sentimento di ostilità nei confronti delle donne. Alla stessa maniera una ragazza può sviluppare sentimenti di ostilità nei confronti degli uomini in seguito a frustrazioni subite nei rapporti affettivi col padre. Per altri il senso di colpa derivante da desideri sessuali nei confronti del genitore di sesso opposto e la paura del genitore dello stesso sesso possono inculcare una tendenza omosessuale permanente. Oppure una persona può fissarsi sulla stimolazione anale o orale.

SEDUZIONE
Una giustificazione comune per le leggi contro gli atti omosessuali è che, a quanto si dice,gli adolescenti sono indotti all’omosessualità da uomini più anziani che li seducono. Anche se tali seduzioni hanno realmente luogo, nessuno ha ancora studiato tale problema, così non si sa ancora quanta parte possa essere attribuita a inviti manifesti o subdoli. Né si sa se il ragazzo sedotto diviene omosessuale e se diverrebbe omosessuale in assenza della seduzione. I concetti di imprinting e di rinforzo potrebbero essere rilevanti in rapporto alla teoria della seduzione. Se la scelta dell’oggetto sessuale è indifferenziata durante l’infanzia e la prima adolescenza, se le prime esperienze sessuali del ragazzo o della ragazza sono di tipo omosessuale e soddisfacenti, e se i successivi rapporti eterosessuali si rivelano meno soddisfacenti, l’individuo potrà allora mostrare delle inclinazioni verso l’omosessualità.

LA SEGREGAZIONE
Si sa che gli atti omosessuali aumentano quando individui di un sesso sono tenuti separati da individui di sesso opposto, come nel caso in cui vivano in prigione. Ma non vi è alcuna prova che indichi che gli atti omosessuali in tali circostanze facciano sì che una persona divenga omosessuale una volta usciti di prigione. E'’chiaro che la segregazione sessuale porta ad adattamenti temporanei piuttosto che a cambiamenti permanenti degli atteggiamenti sessuali.
Copyright © 1996-2017 by Dragon.it .:. All rights Reserved .:. www.dragon.it .:. Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: venerdì 24 novembre 2017