Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | Sessualita |








Menu
della Sessualità

- Sessualità
- Glossario
- Parafilie Sessuali
- Sessualita Vanilla
- Sessualita Coppia
- Sessualita Fetish
- Sessualita BI Sex
- Sessualita OmoSex
- Sessualita Trav
- Sessualita Trans
- Sessualita Cuckold
- Cervello
- Desiderio
- Disabili
- Flora
- Omofobia
- Safo
- Kamasutra
- Tantra
- Il Tradimento

SESSUALITA

Sessualità e il Tempio di Flora

Fiori, piante, uomini, dei e semidei tutti, Ovidio li usò per riscattarsi dallo scandalo della sua opera Ars Amatoria (che l’Enciclopedia britannica definisce " forse il lavoro più immorale mai scritto da un uomo di genio"). Ovidio tentò di capovolgere l’immagine lasciva che aveva dato di se stesso in un’immagine rispettabile, e scrisse le "Metamorfosi".

Leggiamo di NARCISO che, per impotenza fisica o psicologica, respinse le profferte della ninfa Eco, e poi invece si innamorò della propria immagine riflessa e si trasformò nel fiore che porta il suo nome. Traendolo dalla leggenda gli psicologi coniarono la parola narcisismo, definita dai dizionari psicoanalitici come "una perversione sessuale in cui l’oggetto preferito del malato è il proprio corpo; un meccanismo di difesa derivante dall’introiezione di un oggetto-amore negato".

Il non psicologo la definisce infatuazione di se stessi; anche se il malato non la vive certo come una mera infatuazione, ma come la realtà. Poi c’era Dafne di cui Apollo, il dio del sole, s’era incapricciato. Secondo Ovidio, si incendiò della bellezza di lei tanto che "tutto il suo cuore era in fiamme". Spaventata dai suoi sguardi lascivi e dalle sue proposte indecenti, Dafne scappò via, come "l’agnello fugge dal lupo, o il cervo il leone, o come le colombe volano lontano da un’aquila".

Apollo l’inseguì. Essa "sentì il suo fiato caldo toccarle i capelli dietro il collo". Terrorizzata, la fanciulla invocò a gran voce suo padre Peneo, il dio del fiume: "Distruggi la bellezza che mi rende tanto attraente!" Così Peneo la trasformò in un albero di ALLORO, salvandone per sempre la verginità.

Il dio Pan, noto per la sua insaziabile lussuria, s’innamorò della ninfa acquatica Siringa, ed essendo grossolano e totalmente negato per l’arte del corteggiamento e della seduzione, cercò di violentarla. Siringa invocò il cielo perché la salvasse e, proprio all’ultimo momento, venne trasformata in un mucchio di GIUNCHI. Defraudato del rapporto sessuale diretto, Pan –con le canne del giunco– si costruì un flauto e se ne andò in giro suonando dei motivi con quel che restava della ninfa desiderata: si tratta probabilmente del primo esempio di una sorta di necrofilia.

GIACINTO era un fanciullo molto attraente la cui bellezza suscitava le voglie di Apollo (il quale pare avesse gusti sia promiscui che eterosessuali). Zefiro, il dio del vento dell’Ovest, aveva a sua volta preso una cotta per Giacinto e decise che se non poteva avere il ragazzo non lo avrebbe avuto neanche Apollo. Così quando quest’ultimo durante i Giochi lanciò un disco nell’aria, Zefiro soffiò sul disco che colpì il fanciullo alla testa uccidendolo. Apollo fu talmente sconvolto da quel che riteneva il risultato della propria goffaggine, che tramutò il sangue di Giacinto nel fiore che da allora porta il suo nome.

Photo: La sessualita
La sessualita
Copyright © 1996-2017 by Dragon.it | All rights Reserved | www.dragon.it | Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: marted 22 agosto 2017