Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | Pratiche | BDSM |








Menu
Sadomaso Bdsm

- Pratiche Sex
- Sadomaso & Bdsm
- Sadomaso
- Regole
- Internet
- Categorie
- Dom / sub
- Umiliazione
- Ruoli
- Bondage
- BreathControl
- Flagellazione

Spesso si è detto che il mondo S/M è la "dimensione dei contrari", la dimensione in cui gli opposti di scontrano, per poi incontrarsi in una surreale compenetrazione, la dimensione in cui da una sensazione di dolore o di umiliazione nasce il piacere più intenso e sfrenato ...
Ebbene: chi ha veramente provato queste sensazioni in prima persona e a certi livelli, non può non essere almeno aperto a un certo tipo di discorso, al "mio" discorso, che chiameremo "feticismo e umiliazione". Troppo spesso mi sono soffermato a pensare su uno solo degli aspetti del feticismo, e cioè sull'enorme piacere fisico e mentale - che deriva sia dall'essere vestiti in un "certo" modo, sia dall'avere accanto una persona vestita in un "certo" modo. La pelle, la plastica lucida o la gomma, sapientemente sovrapposte su un corpo, riescono a trasformarlo, a renderlo completamente diverso, modellandolo e valorizzandolo, costruendo nella realtà l'immagine che solitamente si annida nelle fantasie erotiche di ogni simpatizzante nel mondo S/M. Basta bazzicare nei posti giusti ed avere un po' di fantasia e buon gusto, e una schiava può vestirsi in modo adeguato, trasformandosi in una donna mozzafiato. A questo punto, il feticismo si abbina all'esibizionismo del Padrone, che si compiace di ammirare la sua schiava, ma anche della schiava, che si ritrova al centro dell'attenzione, che si sente guardata, ammirata e desiderata. Fin qui, a ben vedere, non ci sarebbe molto di S/M in tutto ciò: sarebbe "solo" la variante fantasiosa di due amanti "quasi normali". Certo, a complicare (positivamente) le cose, e a dare al gioco un taglio veramente bizzarro, ci sono i materiali: primo fra tutti, la gomma. Ciò che non capisco è perché chi pratica attività S/M non sempre la abbini a un abbigliamento feticistico, mentre chi pratica il feticismo a livelli particolarmente pesanti non provi a sovrapporre al suo gioco qualcosa di tipicamente S/M. A volte, è come se il feticismo e S/M corressero su due binari paralleli, inconciliabili ed incompatibili. Ma, almeno per me, non è affatto così. E ciò perché il feticismo non è solo una bella domina, inguainata in una tuta lucidissima, con un frusta in mano e che cammina su dei vertiginosi tacchi a spillo. E' anche un fluire di sensazioni sottilissime e contemporaneamente molto pesanti, è la base per un gioco fisico che ha delle implicazioni psicologiche estremamente complesse e gradevoli ... almeno secondo i comuni parametri del piacere. Fortissima , comunque, è la sensazione di dipendenza soprattutto dai materiali che si indossano e, in fondo, dal proprio piacere, dalle propria voglia di godere solo in certe situazioni. Ci sono dei momenti in cui la schiava sente dentro di se il piacere "assoluto" della gomma che la avvolge. Assoluto nel senso di completo, totale, svincolato da ogni altra cosa o persona. E come fare un salto in un'altra dimensione: a un certo punto, tutto ciò che circonda quella schiava si dissolve ... Lo stesso tenore e la stessa umiliazione che la avevano mortificata sono diventati i canali principali del suo piacere. E non c'è bisogno di stimolazioni fisiche per provocare in lei l'orgasmo, perché più forte è la misura della sua dipendenza dalla gomma, più forte è il piacere che da quella gomma deriva. E nessuna umiliazione, nessuna punizione potranno privarla di quel piacere.

LatexBoy

Copyright © 1996-2017 by Dragon.it .:. All rights Reserved .:. www.dragon.it .:. Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: giovedì 23 novembre 2017