Get Adobe Shockwave Player

Get Adobe Shockwave Player

foto
fotoHome fotoAmici fotoAnnunci fotoImmagini fotoSHOP fotoIncontri fotoRisorse fotoCuriosando foto
Tu sei qui: Home | Biblioteca | Medicina |








Menu
Medicina Ginecologia

- Medicina
- Ginecologia
- La Vagina
- Il Clitoride
- L'Imene
- l'Utero
- Il Punto G
- Le Mestruazioni
- Le Mammelle

Il Clitoride - genitali esterni

Il clitoride si trova nel punto in cui si incontrano le piccole labbra o labbra più interne e la sua un’unica funzione è quella di dare piacere fisico, il clitoride è l'equivalente femminile del pene.

Il clitoride è un organo erettile impari e mediano costituito da due corpi cavernosi e da un'estremità libera detta glande, la lunghezza del clitoride è di circa 2 - 2,5 cm e si ipertrofizza quand'è in erezione ed un sottile strato cutaneo, chiamato cappuccio del clitoride lo ricopre. Le numerosissime terminazioni disposte nel clitoride e nell’area immediatamente adiacente ne fanno un organo molto sensibile sia al contatto diretto che indiretto.

Quando stimolato, il clitoride, si riempie di sangue e aumenta di dimensioni, continuando la stimolazione del clitoride, avvicinandosi l’orgasmo, il clitoride si ritira sotto il cappuccio protettivo e riemerge solo quando la stimolazione ha termine.

Nel caso invece in cui la donna non ha raggiunto l’orgasmo il sangue in eccesso che ha riempito il clitoride in risposta alla stimolazione può rimanere in sede, le dimensioni del clitoride rientrano quindi nella normalità solo dopo diverse ore.
L’orgasmo invece porta ad un veloce riassorbimento del sangue affluito in eccesso.
Al di sotto del clitoride troviamo il vestibolo che è rappresentato da un piccolo spazio triangolare al cui centro vi è lo sbocco uretrale mentre lateralmente si trovano gli sbocchi delle ghiandole parauretrali o di Skene.
Gli antichi anatomisti gli hanno dato questo nome, che significa letteralmente "chiave", perché è veramente la chiave della sessualità per la donna.

Anatomicamente parlando, il clitoride è effettivamente l'equivalente femminile del pene. Una sorta di verga in miniatura, con il corpo, il glande e il prepuzio. Dal punto di vista funzionale è simile pure nella capacità di mettersi in erezione durante l'eccitazione sessuale.
Un'altra analogia tra i due organi risiede nella sensibilità: entrambi sono ricchi di recettori che, se sollecitati, danno origine a intense sensazioni di piacere.

Il clitoride questo sconosciuto

Nonostante il clitoride occupi un'importante parte nella sessualità femminile spesso gli uomini lo trascurano completamente e solo pochi di essi conoscono e considerano l'importanza del clitoride.
Il più delle volte semplicemente per ignoranza: una drammatica conseguenza della carenza di educazione sessuale unita ad una sorta di pudore che impedisce agli uomini di dedicarsi alla scoperta della regione genitale delle donne.
In saci più rari la causa è invece la totale indifferenza verso il piacere della partner a giustificare il disinteresse per questa importante struttura erogena.
La responsabilità degli uomini non è però l'unica causa. Anche le donne contribuiscono alla sopracitata ignoranza maschile, nella maggior parte dei casi per vergogne e inibizioni.
Molte di loro sono infatti perfettamente coscienti dell'esistenza e dell'importanza del proprio clitoride, ma semplicemente non hanno il coraggio di parlarne apertamente con il compagno.

Photo: Il Clitoride
Il Clitoride
Copyright © 1996-2017 by Dragon.it .:. All rights Reserved .:. www.dragon.it .:. Scivi al WebMaster
Ultimo aggiornamento: sabato 18 novembre 2017